2016-03-30
Trovata la chiave: l’Fbi sblocca l’iPhone di uno dei terroristi di San Bernardino. E con una mossa pragmatica il governo degli Stati Uniti ritira la causa contro Apple, o sarebbe meglio dire contro la Repubblica autonoma di Apple, che si era rifiutata di collaborare. Tutto ciò accade nello stesso giorno in cui gli investigatori belgi chiedono aiuto ai colleghi americani per decrittare i codici di accesso ai laptop e ai telefonini, recuperati nelle operazioni anti-terrorismo seguite agli attacchi di Bruxelles. Non è una coincidenza. È ormai evidente come un’indagine su larga scala debba impadronirsi dei possibili indizi custoditi nei pc e nei cellulari. Probabilmente lo scontro tra autorità pubblica e industria tecnologica è solo rimandato.